Skip to content Skip to left sidebar Skip to right sidebar Skip to footer

Emergenze

Coronavirus – Comunicato nr. 7

Si rende necessario fornire alcune informazioni per fare un pò di chiarezza e inquadrare correttamente la situazione epidemiologica, per ristabilire la calma e evitare
preoccupazioni eccessive.

Come forse già saprete, informati tramite i quotidiani locali, si è verificato nella giornata di ieri un caso di positività al Coronavirus a PONTEVICO.

Preme precisare che il paziente sta bene e che la presenza di un caso nei comuni limitrofi o nel proprio comune NON implica che AUTOMATICAMENTE si passi in ZONA ROSSA quindi come nella zona di Codogno con limitazioni drastiche alla normale quotidianità di tutti noi.
Per essere classificati in zona rossa si necessita della presenza di numerosi casi.

Quindi:

  • NON saccheggiare supermercati o attività di vendita di beni di prima necessità.
  • NON è indispensabile l’amuchina o prodotti simili, questi sono utili per lavarsi le mani quando non si ha a disposizione acqua e sapone. Quindi non spendete follie per acquistarla su Amazon o su altri canali online. Usate tranquillamente acqua e sapone quando li avete a disposizione.
  • Evitate di perdere tempo a cercare mascherine protettive, soprattutto quelle “leggere” che vedete tipicamente nelle fiction mediche in sala operatoria, proteggono solo in direzione “dalla bocca a fuori”, quindi sarebbero esclusivamente utili per proteggere le altre persone a voi vicine nel caso VOI risultaste positivi al coronavirus.
  • Informatevi solo sui canali ufficiali delle istituzioni e prima di divulgare una notizia verificarne la fonte: Stamattina è circolata la notizia che il governo avesse chiuso le scuole di ogni ordine e grado sino al 5 Marzo ma trattavasi di fake news. Queste notizie false ostacolano l’operato delle istituzioni.

Il Coronavirus non provoca necessariamente conseguenze gravi, anzi, per la gran parte dei contagiati le conseguenze sono perlopiù simili ad un raffreddore o una influenza.

Va specificato che i casi di morte sono riferiti a persone già compromesse fisicamente e con una età molto avanzata, quindi persone per le quali contrarre anche la normale influenza può portare ad un quadro clinico molto critico o addirittura nefasto.

Vi invito a visionare il breve video che di seguito vi proponiamo:

IL SINDACO
Marco Scartapacchio

Coronavirus – Comunicato nr. 6

Si comunica che a partire da Martedì 25 Febbraio i medici di base riceveranno nei normali orari di apertura ma ESCLUSIVAMENTE su appuntamento per evitare la sosta di più persone in sala d’aspetto.

IL SINDACO
Marco Scartapacchio

Coronavirus – Comunicato nr. 5

In alcuni Comuni del Bresciano, si segnalano casi di persone munite di mascherina che suonano ai campanelli delle case chiedendo di entrare per effettuare tamponi.

NON E’ STATA AUTORIZZATA DA NESSUNO UN’ATTIVITA’ DI QUESTO TIPO.

Trattasi di persone malintenzionate che tentano di colpire le fasce deboli della popolazione approfittando della situazione.

IL SINDACO
Marco Scartapacchio

Coronavirus – Comunicato nr. 4

L’applicazione delle indicazioni ufficiali per il nostro Comune comporta le seguenti conseguenze:

ATTIVITÀ CULTURALI E SPORTIVE PREVISTE QUESTA SETTIMANA E SOSPESE:

  • Primo incontro “I venerdì del benessere” 28/02
  • Manifestazione “Riconoscimento erbe selvatiche, l’inverno, le rune, Ildegarda” 28-29/02
  • Corso ginnastica per tutti del martedì 25/02
  • Corso salute e fitness del mercoledì 26/02
  • Corso ballo liscio e salsa del mercoledì 26/02
  • Corso ballo boogie woogie del giovedì 27/02
  • Corso ginnastica per tutti del venerdì 28/02
  • Corso salute e fitness del venerdì 28/02

Saranno regolarmente aperti
UFFICI COMUNALI, BANCA E POSTA

Seguirà decisione sulla settimana seguente.

IL SINDACO
Marco Scartapacchio

Coronavirus – Comunicato nr. 3

CORONAVIRUS – Comunicato n.3

IL PRESIDENTE DELLA REGIONE LOMBARDIA E IL MINISTRO DELLA SALUTE CON DOCUMENTO PUBBLICATO ALLE ORE 21,15 CIRCA DISPONGONO PER I COMUNI DELLA ZONA GIALLA (tra cui Cigole) una serie di provvedimenti, riportati nel documento allegato.

L’applicazione di tale misure per il nostro Comune comporta le seguenti, inevitabili, conseguenze:

  • SCUOLA DELL’INFANZIA e SCUOLA PRIMARIA CHIUSE FINO AL 1 MARZO COMPRESO (Seguirà decisione sulla settimana seguente)
  • I BAR DOVRANNO OSSERVARE I SEGUENTI ORARI: dalle 6.00 alle 18.00, tutti i giorni fino a Domenica 1 Marzo compresa (Seguirà decisione sulla settimana seguente).
    Per l’inosservanza è prevista la denuncia ai sensi dell’articolo 650 del codice penale
  • I RISTORANTI/PIZZERIE potranno lavorare normalmente, rispettando i consueti orari di apertura
  • GLI ESERCIZI COMMERCIALI non subiranno modifiche di orario di funzionamento
  • UFFICI COMUNALI, BANCA e POSTA regolarmente aperti
  • TRASPORTO PUBBLICO regolarmente funzionante
  • ANNULLATE TUTTE LE FUNZIONI RELIGIOSE
  • ANNULLATO OGNI ATTIVITÀ SPORTIVA (anche allenamenti)
  • ANNULLATA OGNI FORMA DI MANIFESTAZIONE o SPETTACOLO CHE COMPORTI ASSEMBRAMENTO

Ulteriori eventuali indicazioni verranno fornite con i successivi comunicati.

Il sottoscritto parteciperà domani, lunedi 24 Febbraio alle ore 18.00, alla conferenza dei Sindaci con la prefettura.
Nel caso in cui un esercente o titolare di qualsiasi attività, abbia dei dubbi sul comportamento da tenere per lo svolgimento della propria attività, potrà recarsi in municipio domattina dalle ore 9.00, raccoglierò ogni dubbio che possa essere utile portare in assemblea per essere chiarito.

IL SINDACO
Marco Scartapacchio

Coronavirus – Comunicato nr. 2

Sono a comunicare che domani lunedì 24 febbraio alle ore 18.00, sono stato convocato insieme a tutti i sindaci della Provincia, dal Prefetto di Brescia, dal Presidente della Conferenza dei Sindaci e dal Direttore di ATS Brescia, ad un incontro dove verranno riportate le iniziative e le determinazioni che verranno assunte per la situazione legata al Corona Virus.

La cittadinanza sarà successivamente informata per quanto necessario.

Il SINDACO
Marco Scartapacchio

Coronavirus – Comunicato nr. 1

Il Comune di Cigole, in merito a eventuali decisioni o provvedimenti necessari per fronteggiare la situazione, si atterrà scrupolosamente, come sempre fatto, ad indicazioni ufficiali provenienti dagli enti preposti:

PREFETTURA DI BRESCIA
REGIONE LOMBARDIA
ATS di Brescia (ex ASL)

e non a testate giornalistiche o social network.

Allo stato attuale non vi è alcuna comunicazione in merito riguardante i nostri territori, se non quella di osservare delle normali procedure precauzionali peraltro molto simili a quelle da tenere per l’influenza stagionale, che indichiamo qui sotto:

FONTE: REGIONE LOMBARDIA

  1. Lavarsi spesso le mani
  2. Evita il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute
  3. Non toccarti occhi, naso e bocca con le mani
  4. Copri bocca e naso se starnutisci o tossisci
  5. Non prendere farmaci antivirali né antibiotici a meno che siano prescritti dal medico
  6. Pulisci le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol
  7. Usa la mascherina solo se sospetti di essere malato o assisti persone malate
  8. I prodotti MADE IN CHINA e i pacchi ricevuti dalla Cina non sono pericolosi
  9. Gli animali da compagnia non diffondono il nuovo coronavirus
  10. Contatta il numero verde 1500 per maggiori informazioni

Tutti i Sindaci della zona sono in stretto contatto sia tra loro, che con gli enti sopraindicati e lo saranno per tutto il periodo necessario.

La Prefettura di Brescia (che rappresenta sul nostro territorio lo Stato) ha diramato poco fa la seguente dichiarazione:

“Al momento non c’è alcun caso di coronavirus nel territorio di Brescia. Non è dunque necessario attivare alcuna misura di emergenza, i cittadini stanno autonomamente adottando le misure precauzionali che ritengono più opportune, così come comunicate dalle autorità competenti.Quando ci sarà un caso conclamato, fatto che non ci auguriamo, adotteremo tutte le misure necessarie per contenere la circolazione del virus”

Si rende necessaria anche un pò di chiarezza su cosa sia il Coronavirus:

FONTE: MINISTERO DELLA SALUTE

1. QUALI SONO I SINTOMI ?
Dipende dal virus, ma i sintomi più comuni includono febbre, tosse, difficoltà respiratorie.

2. QUANTO E’ PERICOLOSO IL NUOVO CORONAVIRUS?
Come altre malattie respiratorie, l’infezione da nuovo coronavirus può causare sintomi lievi come raffreddore, mal di gola, tosse e febbre, oppure sintomi più severi quali polmonite e difficoltà respiratorie. Raramente può essere fatale. Le persone più suscettibili alle forme gravi sono gli anziani e quelle con malattie pre-esistenti, quali diabete e malattie cardiache.

3. QUAL’E’ LA DIFFERENZA TRA I SINTOMI DELL’INFLUENZA, DI UN RAFFREDDORE COMUNE E DEL NUOVO CONORAVIRUS?
I sintomi sono simili e consistono in tosse, febbre, raffreddore. Sono tuttavia causati da virus differenti, pertanto, in caso di sospetto di Coronavirus, è necessario effettuare esami di laboratorio per confermare la diagnosi.

4. QUANTO DURA L’INCUBAZIONE?
Il periodo di incubazione rappresenta il periodo di tempo che intercorre fra il contagio e lo sviluppo dei sintomi clinici. Si stima attualmente che vari fra 2 e 11 giorni, fino ad un massimo di 14 giorni.

Seguiranno ulteriori comunicazioni tramite i nostri consueti canali informativi

Il SINDACO
Marco Scartapacchio

Per aggiornamenti da fonte sicura:
http://www.salute.gov.it/nuovocoronavirus