Skip to content Skip to left sidebar Skip to right sidebar Skip to footer

Autore: Marco Scartapacchio

CAMPAGNA VACCINAZIONI ANTINFLUENZALI – Inizio prenotazioni

LINK PRENOTAZIONE: CLICCA QUI

Si comunica che ora è attiva la prenotazione per la campagna vaccinale
———-

Attenzione: Comunicazione importante 
Contrariamente a quanto comunicato al Comune di Cigole da ATS-Brescia con comunicazione pervenuta il giorno 13/11, è stato rettificato il bacino d’utenza di questa prima tornata di campagna vaccinale.
Questa prenotazione è quindi possibile SOLO ed ESCLUSIVAMENTE per gli ULTRA 65 enni (65 anni già compiuti).
I soggetti affetti dalle patologie che aumentano il rischio per complicanze da influenza, che non sono ancora stati vaccinati, sono pregati di prendere contatto con il loro medico di base per informazioni in merito.

———-
COME PRENOTARE

– ONLINE – Cliccare su questo link: CLICCA QUI
– TELEFONO – 030959126 – Nei normali orari di apertura degli uffici comunali

———-
COSA SERVE PER PRENOTARE
Per la prenotaizone è necessario avere a disposizione:
Nome, Cognome e data di nascitaCodice FiscaleIndirizzoRecapito telefonico

———-
RICORDIAMO LE DATE

Pazienti Dott. Provenzi Alunni Enrico
– MERCOLEDI 25 NOVEMBRE: Dalle 15.00 alle 18.30
– MERCOLEDI 2 DICEMBRE: Dalle 15.00 alle 18.30

Pazienti Dott. Sozzi Tomaso
– GIOVEDI 26 NOVEMBRE: Dalle 14.30 alle 18.30

———-

Il Sindaco
Marco Scartapacchio

Coronavirus – Comunicato nr. 67

Zona Rossa: Alcune prime precisazioni

USCITA DAL COMUNE

In attesa di FAQ o circolari che potranno meglio specificare o addirittura dire diversamente, la Prefettura conferma che:

in caso siano presenti servizi presso il territorio del proprio comune, vanno utilizzati quelli e non è possibile uscire dal territorio comunale, quindi, per esempio:

  • NON è possibile andare dal parrucchiere di fiducia fuori paese;
  • NON è possibile ritirare la pizza da asporto fuori paese.

E’ possibile uscire dal territorio comunale solo nel caso non esistano servizi di quel tipo (quelli consentiti ovviamente) sul proprio territorio.

ATTIVITA’ SPORTIVA e ATTIVITA’ MOTORIA

Ricordo la differenza, e si fa meglio a capire con esempi:

  • ATTIVITA’ MOTORIA
    • Esempio: la camminata allo scopo di tenersi in forma (che non vuol dire andare a fare due passi per far due parole con qualche passante)
    • Bisogna rimanere nelle vicinanze di casa, non ci sono distanze specifiche ma l’isolato, il quartire, può essere un buon riferimento.
    • Consentita solo in maniera individuale, le attività dei “gruppi di cammino” sono quindi sospese
    • Distanza da mantenere da eventuali altre persone incrociate: 1 metro
    • Mascherina: SI
  • ATTIVITA’ SPORTIVA
    • Esempio: la corsa, l’uscita in bicicletta da corsa o mountain bike, il trekking etc
    • Bisogna rimanere nei confini comunali (ma si attendono chiarimenti in merito)
    • Consentita solo in maniera individuale
    • Distanza da mantenere da eventuali altre persone incrociate: 2 metri
    • Mascherina: NON necessaria

MESSE e FUNZIONI RELIGIOSE

Sono consentite, nel rispetto dei protocolli in vigore ormai da mesi, si può quindi andare a messa.

CIBO/BEVANDE DA ASPORTO

Non è consentito consumare nelle adiacenze del bar/ristorante il prodotto acquistato.

Seguiranno ulteriori comunicazioni.

Il Sindaco
Marco Scartapacchio

Coronavirus – Comunicato nr. 66

Dalle 00.00 di Venerdì 6 novembre 2020 entrerà ufficialmente in vigore l’ordinanza del Ministero della Salute che istituisce la classificazione in zone (colori) di tutte le Regioni Italiane.

Come ormai tutti sapete, da domani quindi scatterà la ZONA ROSSA in tutta la Lombardia.

Per le prossime settimane (o mesi?) avremo a che fare con un approccio normativo diverso rispetto al passato, non più DPCM con regole a sorpresa. Ora il Governo ha stabilito fin da subito regole per ogni casistica, ogni zona, suddividendo tali regole in GIALLO, ARANCIO, e ROSSO.

Con cadenza settimanale il Ministero analizzerà i dati sanitari di ogni Regione e nel caso in cui per almeno 14 giorni consecutivi rientrino in alcuni parametri potrà con nuova ordinanza “cambiare colore” alle Regioni. Potrebbe essere quindi che, nei mesi a venire, avremo a che fare con alcuni cambi di colore (in meglio o in peggio).

Per cercare di fare chiarezza e facilitare la cittadinanza a capire da subito a quali regole si andrà via via incontro, ed avere chiaro in ogni momento in quale colore ci troviamo, sto preparando uno schema riassuntivo, che sarà oggetto di un nuovo comunicato presumibilmente nella giornata di domani.

PROPOSTA DI SOTTOZONE

In queste ore, come Sindaci, coordinati dalla Provincia di Brescia e dall’ACB – Associazione Comuni Bresciani, stiamo proponendo al governo di NON considerare le Regioni più grandi in maniera UNITARIA, ma procedere per sottozone coincidenti con le Province.Innegabile infatti che in Regioni come la Lombardia ci possano essere situazioni molto difformi: considerate che la sola Provincia di Brescia è grande sia territorialmente che come abitanti quasi quanto la Regione Liguria, e più grande di diverse altre regioni.

Oggi stesso faremo pervenire al Governo un documento a firma congiunta in tal senso.

NUOVE REGOLE

Dal 6 novembre 2020 essendo in Zona Rossa avremo regole molto simili a quelle sperimentate nel periodo di chiusura della scorsa primavera, le riassumo qui (non elenco nuovamente le norme di comportamento di base come, distanziamento e mascherine, ormai note).

Sono attese circolari interpretative dal Ministero dell’Interno nelle prossime ore, verranno quindi fornite precisazioni in futuro ove necessarie.

  • Obbligo di rimanere in CASA, vietato OGNI SPOSTAMENTO, anche all’interno del proprio comune di residenza, domicilio o abitazione. Sono consentiti esclusivamente gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, salute e necessità, e il rientro presso l’abitazione. Si può uscire dal Comune solo per fruire di servizi NON presenti all’interno del proprio Comune.
  • CHIUSI sempre tutti i negozi al dettaglio salvo generi alimentari e beni di prima necessità
  • APERTI Supermercati, Alimentari, farmacie, para-farmacie, edicole, tabacchi, lavanderia, pompe funebri, parrucchieri e barbieri
  • Sospensione totale attività di bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie e tutti i servizi di ristorazione. Consentita somministrazione da asporto fino alle ore 22.00 e servizio a domicilio senza limite di orario
  • Sono sospesi TUTTI gli eventi e le competizioni organizzati dagli enti di promozione sportiva
  • Consentito svolgere individualmente attività motoria in prossimità della propria abitazione
  • Consentito lo svolgimento di attività sportiva esclusivamente all’aperto ed in forma individuale
  • Aperti nidi, micro-nidi, scuole materne, scuole elementari e il solo primo anno delle media, continuando didattica in presenza
  • Didattica 100% a distanza per tutte le altre scuole. Ovviamente consentito lo spostamento per ritirare il figlio minore a scuola o alla fermata dello scuolabus.Per tutto quanto non specificato, restano in vigore le regole già ad oggi vigenti.

Il Sindaco
Marco Scartapacchio

Coronovirus – Comunicato nr. 65

Slittamento del Lockdown a Venerdì

Il Presidente del Consiglio ha terminato pochi minuti fa la conferenza stampa dove ha confermato quello che si era potuto apprendere dagli organi di stampa: le discussioni tra Governo e Regioni per l’attribuzione del “colore” ad ogni Regione si sono dilungate a tal punto da rendere impraticabile l’entrata in vigore da domattina.

Quindi:

  • Giovedi 5 Novembre rimane tutto invariato TRANNE l’inizio del “coprifuoco” che inizierà alle 22 invece che alle 23
  • Venerdì 6 Novembre, in vigore Zona ROSSA in tutta la LOMBARDIA.

Domani mattina divulgherò un ulteriore comunicato dove verranno fatte considerazioni sulla situazione, si spiegheranno le nuove regole e come funzionerà il meccanismo dei colori.

Il Sindaco
Marco Scartapacchio

Coronavirus – Comunicato nr. 64

Nuovo DPCM, serve ancora attendere

Negli scorsi minuti è stato finalemente pubblicato il nuovo atteso DPCM, in vigore da domani. Nel testo si danno per la prima volta regole differenziate in base a tre diversi livelli di rischio:

  • bassa gravità (restanti zone)
  • elevata gravità (zona arancio)
  • massima gravità (zona rossa)

Al momento si deve attendere un ulteriore decreto che assegna i livelli alle varie regioni, non si sa quindi che livello verrà attribuito a Regione Lombardia.

E’ stato sottoposto inoltre al Governo il concetto di poter individuare, all’interno delle regioni, delle sottozone: è innegabile infatti, soprattutto in Regioni vaste come la nostra, che ci possano essere zone ad effettiva massima gravità ed altre dove può considerarsi bassa.

Restiamo in attesa, seguiranno aggiornamenti.

Il Sindaco
Marco Scartapacchio

Vaccinazioni Antinfluenzali 2020

Prime indicazioni

Prima di iniziare a leggere: tenere ben presente che in questa comunicazione NON SI PARLA DI VACCINO PER IL CORONAVIRUS ma solo ed esclusivamente del vaccino contro la classica influenza stagionale.

La campagna di vaccinazioni antinfluenzali 2020, come potete tutti notare, è in ritardo rispetto agli scorsi anni.
Ho avuto un incontro di aggiornamento con i medici di base pochi giorni fa e, allo stato attuale, mi riferiscono di aver ricevuto nei giorni scorsi solo pochissime dosi di vaccino. Queste dosi sono state somministrate a domicilio solo ed esclusivamente ai casi di estrema fragilità.
Le previsioni per la partenza vera e propria della campagna antinfluenzale sono circa per la metà di Novembre, ma senza grandi certezze.
Nel frattempo, posso però già comunicare quanto segue:

  • Le vaccinazioni verranno effettuate presso Palazzo Cigola Martinoni, in quanto gli ambienti più ampi possono più facilmente garantire un congruo distanziamento e una migliore gestione del pubblico
  • Sarà obbligatoria la prenotazione, per limitare, per questioni di sicurezza Covid, la permanenza presso i locali e per offrire un servizio migliore al pubblico, annullando i tempi di attesa in sala d’aspetto.

Non appena avremo notizie precise verrete tempestivamente avvisati su date, orari e sulle precise modalità per la prenotazione.

Il Sindaco
Marco Scartapacchio

Coronavirus – Comunicato nr. 63

MESSE AL CIMITERO

Emano questo comunicato per illustrare, a chi volesse partecipare alle messe al cimitero per la festività dei santi, le modalità e i comportamenti da tenere in questa occasione.

Ricordo le messe essere programmate per:

  • SABATO 31 OTTOBRE, ore 15.00
  • LUNEDI’ 2 NOVEMBRE, ore 15.00

In caso di maltempo verranno celebrate nella chiesa parrocchiale, con le consuete regole per l’accesso in chiesa.

Come avete potuto apprendere, quest’anno, vista l’emergenza Covid19 e come suggerito da organi diocesani e ministeriali, si è deciso di “raddoppiare” la messa in due giorni distinti, allo scopo di “diluire” la presenza dei fedeli e ridurre quindi l’assembramento.
Si è inoltre deciso di non celebrare la messa Domenica 1 Novembre perché certamente in questa data si sarebbe verificato un grosso afflusso di persone.

* Si suggerisce caldamente ai più anziani, di evitare la presenza alle messe, in quest’anno particolare.

* Si chiede ai pensionati e ai non lavoratori in genere, di preferire la messa di LUNEDI.

REGOLE PER LA PRESENZA ALLE MESSE AL CIMITERO:

  1. Se avete febbre o tosse siete tenuti a stare a casa
  2. Mascherina obbligatoria
  3. Verrà rilevata la temperatura all’ingresso
  4. Sanificazione obbligatoria delle mani all’accesso
  5. Obbligo del rispetto della distanza di sicurezza di almeno 1 metro, salvo congiunti
  6. Non è possibile l’accesso alla chiesetta nei giorni di celebrazione, ne prima, ne durante, ne dopo la messa

Per garantire il rispetto delle regole saranno presenti i volontari dell’ANC (Associazione Nazionale Carabinieri) che offriranno a partire dalle ore 14 il loro supporto. I volontari, sono autoirizzati a vietare l’accesso al cimitero in caso di inosservanza delle regole.

In merito alle suddette regole si precisa inoltre che:

  • In merito al punto 1: quando si indossa la mascherina bisogna tenere dentro anche il naso!
  • In merito al punto 5: i congiunti sono i familiari conviventi, i parenti che si vedono in rare occasioni come questa, pur essendo parenti, non sono congiunti

Per favorire il rispetto della distanza di sicurezza dovranno essere occupati dai fedeli tutti gli spazi all’aperto, i viali, le zone erbate e l’ampia area retrostante la chiesa. Qualcuno dovrà quindi rinunciare ad assistere alla messa nella vicinanza della tomba dei propri cari.

Colgo l’occasione per augurarvi una buona festività di Ognissanti.

Il Sindaco
Marco Scartapacchio

Coronavirus – Comunicato nr. 62

Come ormai avrete potuto apprendere dagli organi di stampa, da alcuni giorni/settimane la curva dei contagi è in aumento, sopratutto in alcune regioni, tra cui la Lombardia.

Ho atteso ad emanare questo comunicato in attesa che vi fosse una certa stabilità normativa, visto che nell’ultima settimana abbiamo assistito all’emanazione di 2 DPCM (più ulteriore provvedimento) e 3 ordinanze Regionali.

Ricordo che:

  • DPCM-Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri ha validità Nazionale.
  • Ordinanza Regionale: valida solo per la Lombardia.

In caso di norme contrastanti tra i due provvedimenti prevale la normativa nazionale, quindi i DPCM.

Le ordinanze però possono inasprire le “regole”, essere più restrittive, ma mai potranno essere più permissive dei DPCM.

Attualmente ci troviamo in corso di validità di:

  • DPCM del 18/10/2020 – in vigore fino alle 24.00 del 13/11/2020
  • Ordinanza n. 623 del 21/10/2020 – in vigore fino alle 24.00 del 13/11/2020, la quale richiama parte dell’ordinanza 620.

Capite che diventa necessario riassumere le regole in vigore da oggi in poi, per poter semplificare la comprensione a tutti.

SITUAZIONE A CIGOLE

Fortunatamente, per ora, la situazione nel nostro comune è buona: un solo caso di contagio attuale, un totale di 3 negli ultimi 5/6 mesi; ma in alcuni comuni della bassa bresciana i casi stanno aumentando quindi è necessario prestare la massima attenzione.

COPRIFUOCO

In Regione Lombardia dalle ore 23.00 alle ore 5.00 del giorno successivo è VIETATO uscire dalla propria abitazione tranne per:

  • Comprovate esigenze lavorative
  • Situazioni di necessità o di urgenza
  • Motivi di salute

È sempre consentito il rientro presso il proprio domicilio, dimora o residenza

AUTODICHIARAZIONE

A distanza di mesi, torna quindi il modulo per l’autodichiarazione. Se vi può essere utile, lo potete compilare online a questo indirizzo per poi stamparlo o stamparlo per poi compilarlo a mano: https://www.regione.lombardia.it/…/modello… Come già precisato mesi fa: non va compilato ogni volta che uscite di casa dopo le 23 e nemmeno è obbligatorio averlo con se, sarà in dotazione alle forze dell’ordine.

SCUOLE SUPERIORI DI SECONDO GRADO

Dal 26 Ottobre lezioni da casa in “Smart Working”. In caso l’istituto non sia pronto tecnicamente, si dovrà attivare nel più breve tempo possibile.

CHIUSURE GRANDI CENTRI COMMERCIALI

Il Sabato e la Domenica è disposta la CHIUSURA dei GRANDI NEGOZI e i negozi nei CENTRI COMMERCIALI, fatta eccezione per: generi alimentari, alimenti e prodotti per animali domestici, prodotti cosmetici e per l’igiene personale, prodotti per l’igiene della casa, piante e fiori e relativi prodotti accessori, farmacie e parafarmacie, tabaccherie e rivendite di monopoli.

INDICAZIONI PER NEGOZI (anche per Bar e Ristoranti)

  • Divieto di assembramento, distanza minima di 1 metro tra le persone (tranne congiunti).
  • Obbligo di esposizione ad ogni ingresso di un cartello che riporti la capienza massima di persone. Nel caso in cui si raggiunga tale limite, la clientela in eccesso dovrà attendere fuori dal negozio, senza assembramenti.
  • Nella giornata di oggi e domani prenderò contatto con i commercianti del paese per chiarire dubbi specifici sui comportamenti da tenere.
  • Ovviamente sempre mascherina

INDICAZIONI PER BAR e RISTORANTI

  • Vietato l’utilizzo delle slot-machine
  • Obbligo di rilevazione temperatura all’accesso del cliente
  • Al tavolo massimo in 6 persone (escludendo dal calcolo i congiunti)
  • Dopo le 18 servizio SOLO al tavolo
  • Chiusura alle 23, da tale ora si deve procedere allo sgombero del locale
  • mascherina sempre quando si è in piedi
  • Seduti al tavolo si può togliere la mascherina, (tranne se si gioca a carte!)

Precisazione: Se i clienti vengono fermati dalle forze dell’ordine dopo le 23 mentre stanno tornando si giustificheranno indicandolo in autodichiarazione, perchè ricordo che il rientro a casa è sempre consentito.

Ovviamente, un “rientro a casa” dal ristorante alle 2 di notte (a titolo di esempio) non è affatto credibile e nemmeno opportuno!

AREE PUBBLICHE

  • Vietata la consumazione di alimenti e bevande su suolo pubblico dalle 18.00 alle 5.00
  • Vietata la consumazione di bevande alcoliche su suolo pubblico sempre
  • Resta possibile l’accesso ai parchi da parte di tutti, i minori devono essere accompagnati.

SAGRE, FESTE ed EVENTI IN GENERE

E’ vietata ogni sagra e festa.
Si rimanda ad un futuro comunicato specifico riguardo le prossime ricorrenze Cigolesi ricadenti nel periodo di vigenza degli attuali provvedimenti:

  • 1 NOVEMBRE: Ognissanti
  • 4 NOVEMBRE: Ricorrenza termine Grande Guerra
  • 8 NOVEMBRE: Ringraziamento
  • 11 NOVEMBRE – SAN MARTINO: Patrono

Le feste connesse a cerimonie civili o religiose, (matrimoni, battesimi ecc.) possono svolgersi con la partecipazione massima di 30 persone nel rispetto dei protocolli e delle linee guida;

SPORT DI CONTATTO

Sono sospese tutte le gare e gli allenamenti degli sport di contatto, tranne per i professionisti.
Gli allenamenti e la preparazione atletica possono essere svolti solo individualmente.
Il Campionato CSI, dove risulta iscritta la U.S. Cigolese è quindi sospeso.

MASCHERINE

  • Obbligatoria sempre se non si riesce a rispettare la distanza di sicurezza (salvo congiunti)
  • Obbligatoria al lavoro
  • Obbligatoria ovviamente in ogni negozio, esercizio pubblico, ufficio
  • Possibile non indossarla mentre si fa attività fisica
  • Esonerati i minori di 6 anni e i disabili che abbiano difficoltà a portarla
  • È raccomandato utilizzare le mascherine anche all’interno delle abitazioni nel caso in cui sia presente una persona non convivente

Per ora, si trovano senza problemi in commercio, ad un prezzo calmierato di 0,50€ l’una. Sono state distribuite 2 mascherine lavabili a testa ad ogni bambino frequentante la scuola Primaria e Secondaria in modo da essere pronti nel caso dovesse tornasse la situazione di carenza di mascherine.Sono inoltre in distribuzione 100 mascherine lavabili personalizzate per le associazioni di volontariato che stanno operando sul territorio.

UFFICIO POSTALE

Dall’inizio del periodo pandemico le aperture sono sui 3 giorni settimanali: Martedì, Giovedì, Sabato.
Dopo vari tentativi di contatto verbale, ho mandato una comunicazione ufficiale dove richiedo fortemente la riapertura sui 6 giorni settimanali, in quanto nei mesi con temperature rigide, le lunghe attese fuori dall’ufficio postale possono portare a malanni e quindi ulteriori problemi.
La situazione è quindi ora più critica rispetto ai mesi scorsi, più caldi, dove l’apertura a giorni alterni è stata meglio “tollerata”.

UFFICI COMUNALI

L’apertura rimane limitata.
Recarsi in Municipio solo se strettamente necessario, prediligendo il contatto telefonico o via mail.in caso di necessità di doversi recare personalmente è sempre meglio la prenotazione, per non dover attendere fuori al freddo in caso di presenza di altro utente.

RIUNIONI

Evitare il più possibile di riunirsi, anche privatamente nelle abitazioni.Le assemblee, riunioni di associazioni, riunioni tra professionisti, con enti ecc dovranno tenersi in smart-working.

VIAGGI ALL’ESTERO

Superfluo raccomandare di evitare ogni viaggio all’estero se non strettamente necessario.
Per chi dovesse obbligatoriamente partire, è raccomandato informarsi sia sulle procedure di ingresso nel paese di destinazione ma anche sulle diverse modalità per il rientro in Italia, che variano da stato a stato e in base all’aeroporto di arrivo.

SANZIONI

La sanzione per il mancato rispetto di uno dei punti va da 400 € a 3.000 €, salvo che non costituisca violazione più grave o reato.

COSA PUO’ FARE IL SINDACO

I sindaci possono adottare ulteriori misure più RESTRITTIVE in relazione al divieto assoluto di assembramento e al contenimento del contagio. Non vi è intenzione di porre in essere misure più restrittive se non strettamente necessario, ma serve la collaborazione di tutti e il rispetto ferreo delle regole per poter contenere il contagio e per evitare di dover assumere decisioni spiacevoli per tutti.

Il Sindaco
Marco Scartapacchio

Coronavirus – Comunicato nr. 61

E’ appena stata emanata la nuova ordinanza di Regione Lombardia, la quale produrrà i propri effetti a partire da domani alle ore 23.00.Si sta in queste ore approfondendo alcune questioni e dubbi interpretativi sui comportamenti che si potranno tenere dopo le ore 23, anche in merito all’apertura degli esercizi pubblici di ristoro tra le 23 e le 24.

In serata o al più tardi domattina, pubblicherò un comunicato riassuntivo di tutti gli ultimi DPCM e Ordinanze che si sono susseguiti negli ulitmi giorni, cercando di fare un pò di chiarezza in questa situazione confusionaria.

Niente fretta, ricordate che avrà efficacia dalle 23.00 di DOMANI.

Il Sindaco
Marco Scartapacchio

Coronavirus – Comunicato nr. 60

Il Consiglio dei Ministri ha approvato la proroga dello stato di emergenza Covid al 31 gennaio 2021.

In attesa del nuovo DPCM, che fornirà nuove regole dettagliate, restano in vigore tutte le regole di questi ultimi mesi, ma con le seguenti novità, valide da oggi:

  • Mascherina obbligatoria in tutti i luoghi all’aperto quando si è in prossimità di altre persone non conviventi, se si è soli no
  • Mascherina obbligatoria anche in tutti i luoghi chiusi, tranne le abitazioni private. Finora l’obbligo al chiuso era previsto per i soli luoghi aperti al pubblico.
  • Sono esclusi dall’obbligo di indossare la mascherina i bambini di età inferiore ai sei anni, i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina e chi sta praticando attività sportiva.
  • E’ obbligatorio avere la mascherina sempre con sé Le sanzioni per i trasgressori vanno da 400 a 1.000 €

Il Sindaco
Marco Scartapacchio